Independiente del Valle: la nuova finale persa e l’auto-doppietta

Independiente del Valle

È successo di nuovo, l’Independiente del Valle è uscito ancora sconfitto in finale di Copa Libertadores contro un Nacional. Stavolta però rispetto all’edizione del 2016 si tratta della competizione Under-20, e gli avversari di fronte non sono i colombiani dell’Atlético Nacional ma gli uruguaiani del Nacional di Montevideo. L’esito della gara è stato lo stesso, e allo stadio Centenario è stato il Bolso a vincere 2-1 e ad alzare il trofeo.

Dopo l’episodio diventato virale della rissa nel post partita in semifinale contro il River Plate uruguaiano, con il giocatore Ángel Preciado che ha tentato di difendersi armato di bandierina del calcio d’angolo, stavolta il protagonista in negativo è stato un altro suo compagno.

A decidere l’esito della finale è stato infatti lo sfortunato difensore Joao Chávez, autore di una doppietta nella propria porta e sostituito dopo pochi minuti del secondo tempo visibilmente sotto shock, più che concepibile considerata l’importanza della gara. Proprio lui che nel 2016 segnò nella finale della Copa Mitad del Mundo, importante torneo giovanile organizzato dalla società di Sangolquí in collaborazione con la Conmebol, contro i brasiliani dell’Atlético Paranaense.

Al di là dei due episodi sfortunati, tutto ciò dimostra ancora una volta i progressi fatti da una società che dal 2009 milita nella massima divisione del calcio ecuadoriano e che ha fatto della programmazione e dello sviluppo del suo settore giovanile i punti di forza per competere con le massime potenze del subcontinente sia a livello di professionale che giovanile.

Mattia Zupo